Esche del Surfcasting: i pesci da innesco

In questa pagina troverai tutte le esche derivate da pesci da innesco:

Sarda

Tra tutte le esche naturali, questa rimane la regina, sia per il largo impiego che se ne può fare, sia per la facilità di reperimento che per il basso costo. Il suo successo nasce dal suo odore e dalla sua carne grassa che attira qualsiasi preda. Ottima da usare nel periodo ottobre-dicembre. La sardina ha il corpo allungato, mascelle della stessa lunghezza, dorso di color verde oliva con fascia azzurra ai lati, ventre argenteo, ed è completamente priva di denti. Molti pesci vengono attratti fatalmente dalla sarda come le spigole, saraghi, orate, gronghi, pesci serra. Si può innescare il filetto con la polpa verso l’esterno fissando con del filo elastico su ami del Aberdeen dal 2 al 1/0. Ottima per il mare mosso.

sarda

Cefalo

Il filetto di cefalo è molto usato per la ricerca di predatori come pesci serra e spigole. Ha un ottima resistenza in acqua e le sue carni grasse sono ricche di sostanza che lentamente vengono rilasciate, attirando i predatori. Per l’innesco del filetto utilizzate del polistirolo, in modo che l’esca arrivi quasi in superficie per raggiungere l’habitat dei cefaletti suscitando l’attenzione del predatore. Il filetto dovrà essere fissato con il filo elastico, con le carni verso l’esterno e con il ripieno di una strisciolina di polistirolo come se fosse un Hot Dog. Consiglio ami beack del 2/0 a 3/0 con cavetto d’acciaio, per evitare che i denti affilati del serra taglino la lenza.

Cefalo
mail

Iscriviti alla Newsletter!

Ricevi gli articoli di SurfcastingBlog direttamente alla tua email!

Iscrizione avvenuta con successo!

Condivisioni
Share This