Sabato 7 Giugno 2014 si è svolta la seconda prova del campionato provinciale di surfcasting Roma 2014. Il campo gara prescelto è stato il lido di Latina. A differenza della prima prova, le prede sono state numerose anche se non di grandi dimensioni, insomma i classici pesci da gara. A fine articolo troverai le classifiche provvisorie sia per le squadre che per gli atleti.

Racconto

La mia gara è stata molto avvincente fin dai primi lanci. Sono partito con una montatura molto leggera, un trave da 270 cm dello 0.26 a tre snodi e piombo da 50 grammi. Ho costruito dei terminali da un metro dello 0.14, amo piccolo del 12. Nei primi due terminali, ho inserito un pop-up, per la ricerca dei pesci di galla, mentre il terminale vicino al fondo, mi serviva per la ricerca di qualche tracina.

Alle 20:15 parte la gara. La mia postazione non è male, ho un’ ondina a 20 metri che può aiutarmi a fare qualche cattura, infatti lancio la mia lenza, poco prima l’onda. Quella schiuma residua in superficie, può celare qualche leccia stella. Passa qualche secondo e vedo il cimino della canna smuoversi. Leggera ferrata ed ecco la prima leccia stella da 14 cm. Di fretta cambio trave e rilancio. Aspetto un paio di minuti, ma non vedo tocche, quindi procedo con l’invito, ovvero recupero piano piano la lenza, e comincio a fare una sorta di recupero per smaliziare qualche pesce svogliato. Avverto una leggera vibrazione, recupero e trovo una tracina attaccata al terminale basso. Slamo e rilancio. Passa qualche altro minuto ed ecco arrivare un’altra leccia stella da 13 cm.

Il cala-sole non è andato male, sono uscite diverse prede e quasi tutti gli atleti hanno messo qualcosa nel secchio. Il buio sopraggiunge e provo a lanciare fuori alla ricerca di qualche mormora. Decido però prima di cambiare montatura, utilizzo sempre un trave da 270 cm a tre snodi, ma con un diametro dello 0.35. I terminali sono dello 0.16. Piombo 75 grammi.

Tutto tace, sto provando a diverse distanza ma non riesco a trovare pesci, nonostante ogni 3-4 minuti recupero qualche metro di lenza, quando ad un certo punto noto qualcosa di strano sul cimino. Ferro e recupero, non sembra esserci nulla a dire il vero, ma poi vedo attaccato all’amo un bel miro da 27 cm. Mai stato così contento di catturare questo brutto serpentello. Rilancio e ricomincio con la fase di ricerca. Aspetto qualche minuto e inizio a recuperare lentamente per poi fermarmi di nuovo, guardo il cimino ed ecco un’abboccata. Questa volta sento che c’è un pesce attaccato alla lenza e da come tira sembrerebbe proprio una mormora e infatti non avevo un torto, ed è anche lunga 23 cm.

Parlando con i giudici, so di essere ancora in gara per il primo posto. Quindi comincio a provare tutte le soluzioni per fare un’altro pesce. Ma niente da fare, manca solo un’ora alla fine della gara. Decido di passare ad un montatura a due terminali da un metro, con un piombo da 50 grammi. Vediamo se mi porta bene. Lancio e metto in tiro la canna. Passano pochi secondi ed ecco il cimino scuotersi. Ferro e recupero. Un’altro miro da 24 cm. Ottimo!

Ho ancora un po’ di tempo per cercare qualche altro pesce. Noto che alcuni pescatori lanciano l’esca sui 40 metri e stanno facendo qualche cattura anche se molte sono sotto misura, ci provo anche io. Al primo lancio subito una mormora da 18 cm, peccato. Da questo momento in poi non vedo più una tocca.

Anche questa volta mi sono classificato secondo di settore per una manciata di centimetri, non male direi, anche se arrivare  una volta primo sarebbe una gran bella soddisfazione. Mi restano altre due gare davanti a me, e quello che conta è passare ai regionali, quindi dovrò dare il massimo e devo puntare a fare un primo di settore. Sono consapevole che anche con un quarto posto, sicuramente passerei alla fase successiva, ma bisogna sempre puntare in alto nella vita. Se faccio di tutto per arrivare primo, male che mi andrà farò un quarto. Ma se parto accontentandomi di un quarto posto, sicuramente otterrò un risultato molto più scarso. La mentalità nell’agonismo, nella pesca, come nella vita, è tutto. I nostri risultati sono figli del nostro atteggiamento.

Classifica provvisoria provinciale surfcasting 2014: seconda prova