Quali sono le caratterisitche fondamentali per una canna da Nage? Che tipo di fusto deve avere? Vetta tubolare o vettino innestato? Continuiamo il nostro viaggio nel mondo del Nage.

Caratteristiche tecniche

Le canna da Nage ha delle caratteristiche ben precise. Per prima cosa dovrebbe essere lunga massimo 4,05 m, in Giappone ad esempio prediligono le 3,96 m. Sono canne molto leggere, rigide e super reattive in fase di lancio. La vetta della canna deve essere obbligatoriamente tubolare. Più é rigida e meglio si comporta in fase di pesca.
Gli anelli ovviamente dovranno supportare l’utilizzo dei trecciati.

Le canne da Nage sono dei veri e proprio paletti, utilizzando però fili e shock leader trecciati si riescono a caricare con estrema facilità e si raggiungono distanze notevoli.

Shimano Surf Gazer una canna specifica per il Nage

In conclusione, se hai voglia di appassioanarti a questa nuova tecnica, dovresti acquistare una canna specifica che abbia le carratterisitche sopra citate (ti consiglio di leggere l’articolo sulla nuova canna da nage della Shimano, la Surf Gazer).

In alternativa… alla canna da nage

Nel caso in cui volessi provare questa tecnica senza acquistare una canna specifica, dovrai utilizzare obbligatoriamente una canna con la vetta tubolare, non sarà lo stesso ma è un ottimo inizio. 

Sconsiglio vivamente le canne con le vette riportate. Non sono assolutamente compatibili con l’utilizzo della traccia. Quando recuperi il piombo sembra di avere attaccato un albero. Inoltre la vetta trasferisce tutte le vibrazioni del fondale e sembra di avere il morbo di Parkinson. Dico tutto ciò per esperienza personale.

In conclusione posso dire che la pesca Nage è veramente affascinante. Il complesso pescante, nonostante la rigidità, risulta essere super sensibile. Anche la tocca di un pescetto, viene segnalata alla perfezione dalla canna. Il recupero della preda è spettacolare, ogni movimento del pesce ti viene trasmesso dalla canna. Le sensazioni in pesca sono veramente uniche.

Continua a seguirci anche su Facebook iscrivendoti alla pagina di Surfcasting Blog