Dalla notte dei tempi ho sempre sentito parlare di quanto il giorno sia prolifico per insidiare lo sparide d’orato, ma è possibile fare surfcasting alle orate di notte?
La risposta è senza dubbio afferamativa. E’ possibile effettuare delle belle catture anche quando il sole ha lasciato il posto alle stelle.

Sicuramente il giorno è un momento molto buono, soprattutto per insidiare le orate di taglia. Ciò non esclude che si possano fare incontri importanti anche di notte, per quanto di solito la taglia media si aggira dai 3 etti fino al chilogrammo. Questa ovviamente è una media stilata dalla mia esperienza e da quella dei miei compagni di pesca, ma non è una regola.

Con l’occasione vorrei raccontare la mia ultima uscita di surfcasting o meglio pesca dalla spiaggia, date le condizioni del mare.

Surfcasting Capalbio – Ultima spiaggia

Come spot ho scelto il tratto di mare in zona Capalbio, più precisamente all’Ultima Spiaggia (Nome dello stabilimento). Qui il fondale degrada più lentamente rispetto agli altri arenili limitrofi. Tutta la zona è ottima per la ricerca dell’orata.

Attrezzatura Surfcasting e complesso pescante

  • Shimano Power Aero 425 225 gr accoppiata al Surf Leader Ci +4 SD, trave dello 0,50 con doppio bracciola da 120 cm dello 0,18, amo beack;
  • Canna Shimano Surf Gazer 405 CX (canna da Nage) accoppiata al Surf Leader ci4+ senza frizione, trecciato Shimano Kairiki dello 0.06 mm, linea longa dello 0,25 con 3 ami.
Surfcasting alle orate

Racconto

Ho iniziato a pescare intorno alle 20:00, nel rispetto degli orari previsti dalle ordinanze della capitaneria di porto.
Come esca principale ho deciso di utilizzare l’arenicola, dato che la maggior parte delle catture avvenute in zona, sono arrivate grazie a questo anellide.

Carico di aspettative ho lanciato le esche in acqua a tutta forza per arrivare al canalone più esterno. Il fondale è morbido e questo mi fa ben sperare. C’è un leggero vento di maestrale e il mare è abbastanza calmo. Confido che il tramonto porti con se la prima orata o qualche mormora di taglia.
Sono in alta marea con il picco di bassa intorno alle 23:30.

Le prime tocche non tardano ad arrivare ma sono delle micro mormore e per avere il primo sussulto, ho dovuto aspettare le 21:30.
Mentre recupero la Shimano Power Aero per controllare lo stato dell’esca, noto che la Shimano Surf Gazer ha il filo in bando. Forse ci siamo, è una calssica abboccata di un’ orata.

Orata catturata con il Nage

Corro verso la canna e ferro senza troppa forza, usando la treccia non vorrei rischiare di strappare. Sento subito delle testate inconfondibili, è un’ orata.
Inizia la fase di recupero e l’adrenalina è alle stelle. Il pesce in canna è di buona pezzatura. Devo stare attento negli ultimi metri, perché è in quel momento che i rischi di slamatura o rottura aumetano.
Mancano pochi metri e finalmente, dopo le ultime sfuriate, una bella orata di circa 600 gr esce fuori dall’acqua. E’ un pesce bellissimo da vedere e sono sempre emozionato quando riesco a catturare lo sparide dorato.
La linea longa e il Nage hanno avuto la meglio sulla classica montatura, per ora.

Orata a surfcasting

Tutto torna a tacere, stranamente non ci sono le mormore, nonostante mi sia piazzato a cavallo di una punta. Per carità, non era il mio obiettivo principale, ma probabilmente non è un arenile ottimale per la ricerca di questo pinnuto.

Orata catturata a surfcasting

Siamo arrivati alle 23:30 e sul picco di bassa, ecco che spiomba la Shimano Power Aero. Corro a prendere la canna e ferro. Le testate sono sempre inconfondibile e questo pesce è veramente avvelenato, tanto da farmi allentare la frizione.
E’ per questi momenti che amo il surfcasting, quando tutte le sensazioni immaginate, diventano realtà.
Ecco uscire dall’acqua un altra orata, resto sbalordito perché è leggermente più piccola di quella di prima, ma da come tirava sembra il doppio.

La serata si è chiusa con solo due catture. Sinceramente confidavo di fare qualcosina di più, ma il bello della pesca è anche questo. La sfida Nage vs Surfcasting è appena iniziata, vediamo quale delle due tecniche mi darà più soddisfazione in questi mesi estivi.

Metti mi piace alle pagina Facebook di Surfcasting Blog