Che le previsioni meteo possano sbagliare ogni tanto mi sembra una cosa del tutto normale, ma che questa sia diventata una costante mi inizia quasi ad infastidire. Questa domenica prevedevano venti di scirocco e mari molto mossi, invece le condizioni che ho trovato sono state mare calmo e vento di grecale, insomma tutto l’opposto! A questo punto credo che la cosa migliore da fare sia affidarsi alle webcam e smettere di guardare le previsioni!

Il posto scelto per la battuta di surfcasting, anzi di PAF (pesca a fondo), è la spiaggia di S. Agostino a Civitavecchia proprio alla foce del Mignone. L’obiettivo è la spigola, difatti ci siamo muniti di alborelle vive da innescare ma con quel mare piatto sembra una vera “mission impossible”.

Proprio per questo ho pensato di sfoderare la mia Cassiopea MN 160 grammi e accoppiarla con il mio nuovo mulinello Shimano Ultegra CI4 XTA 14000. Ho scelto un long arm come montatura, piombo da 120 gr, terminale dello 0.22, amo Aberdeen dell’ 8, esca americano.

Ho pensato che con questo mare potevo ambire solo a qualche mormora e nel caso più fortunato ad un’ orata di passaggio. Ho deciso che lanciare in side fosse la cosa più giusta da fare per arrivare ad una buona distanza e pescare ad una buona profondità.

Nemmeno passano 5 minuti, vedo una mangiata sul cimino della canna. Ferro e sento che c’è un bel pesciotto è attaccato all’amo. Il recupero è stato abbastanza divertente perché il pesce ha lottato con molto intensità per tutto il suo tragitto verso la riva. Una mormora da 480 grammi aveva abboccato al mio amo.

Questa è stata l’unica cattura della serata. Purtroppo tutte le aspettative di fare un bella pescata sono svanite molto rapidamente. Con questa esperienza ho capito che devo affidarmi solo a ciò che vedo e percepisco del tempo.
Anche a te è capitato che il meteo sbagli totalmente le previsioni? Secondo te da cosa dipende?