Fili e lenze da surfcasting

Qui di seguito trovi tutte le descrizioni dei fili e lenze da surfcasting:

Bobina

I fili per l’ imbobinatura devono essere siliconici, sia per la loro maggior resistenza alla intemperie del mare, sole e salsedine sia perchè sono più morbidi e hanno un minor attrito sugli anelli nella fase di lancio. Il colore del filo deve essere scelto per la sua visibilità così da poter vedere in modo nitido dove abbiamo lanciato. Il colore gialle e bianco vengono utilizzati per la notte mentre rosso e nero per la pesca di giorno, mentre il colore blu può essere buono per entrambi le situazioni. Ci sono anche i fili multicolore che variano ogni 25 metri e sono molto utili per monitorare dove lanciamo e ritrovare il punto dove abbiamo già preso il pesce.
La dimensione del filo va scelta in funzione del tipo di pesca che intendiamo fare e possiamo suddividerli in tre parti:

  • sottili 0.16-0.22 per raggiungere distanze maggiori e per affrontare principalmente il mare estivo
  • medi 0.23-030 per pescare nel mare invernale o in fondali misti dove bisogna forzare il pesce per non incagliare
  • pesanti 0.31-0.40 per la pesca con il vivo e con esche voluminose come filetto di cefalo o calamaro

Ovviamente più il filo è pesante e più i vostri lanci si ridurranno anche di parecchi metri.
Il filo conico è il mio preferito perché è compreso di shock leader ed è molto utile per l’assenza del nodino che crea attrito nel lancio, ed in più quando il mare è sporco ci aiuta a fare una pesca più pulita. Per l’inverno la numerazione che preferisco è 0.26-057 mm, il che vuol dire che il filo di 300 metri è composto per 280 metri di 0.26 mm mentre gli ultimi 20 metri, lo spessore aumenta come se avesse la forma di un cono fino ad arrivare ad uno spessore di 0.57 mm

Shock leader

Lo shock leader è uno spezzone di filo conico che va unito attraverso un nodo alla lenza madre; se abbiamo una bobina dello 0.23 mm metteremo uno shock leader da 0.23-0.57 mm in modo da creare un perfetto equilibrio durante la fase di lancio. Difatti se utilizziamo uno 0.23 mm in bobina e mettiamo un shock del 0.26-0.57 mm, la differenza di spessore potrebbe far staccare i due fili e far perdere trave e piombo.

Fili e lenze del surfcasting - shock leader

Fluorocarbon

Il Fluorocarbon è il miglior filo da utilizzare per il terminale, cioè la porta dov’è legato l’amo e quella più a stretto contatto con il nostro pesce da insidiare. La caratteristica di questo filo è che risulta essere quasi invisibile al pesce e ha una maggior carico di rottura rispetto agli altri fili, un ottima resistenza all’abrasione e un ricordo basso che evita ingarbugliamenti nella fase di lancio o recupero.

Fili e lenze del surfcasting - fluorocarbon
mail

Iscriviti alla Newsletter!

Ricevi gli articoli di SurfcastingBlog direttamente alla tua email!

Iscrizione avvenuta con successo!

Condivisioni
Share This