I giorni passano, la quarantena prosegue, il covid-19 sta trasformando il nostro paese o meglio il nostro mondo. Dopo questo lungo periodo di prigione forzata, dove le passioni sono state prese a botte, si avvicina la FASE 2. Ma la domanda che in tanti di noi si stanno ponendo è la stessa. Una domanda spinta da un senso di frustrazione, smania e di mancanza. Quando torneremo a pescare?

Questa domanda non ha tutt’ora una risposta precisa. Dal 3 Maggio in teoria dovrebbe ripartire il nostro paese anche se con delle restrizioni causate da questo maledetto Covid-19. Ma si potrà tornare a pescare? O la nostra passione resterà ancora ferma? Tra l’altro anche i nostri negozi di pesca stanno soffrendo particolarmente la situazione. Ne usciranno indenni?

Covid-19: la fase 2 come sarà?

Da qui dipenderà il nostro futuro prossimo. Diciamo che il surfcasting è un tipo di pesca nel quale la distanza di sicurezza è più che rispettata, quindi il rischio di contagio non è proprio contemplato. Sicuramente il consiglio è sempre di non fare troppa aggregazione. Caso mai il viaggio in macchina invece di farlo con gli amici, lo faremo singolarmente. Credo che sia importante rispettare le regole, perché altrimenti non ne usciamo più.

Non so se questo COVID-19 sia qualcosa uscito da un laboratorio cinese o come sia stata madre natura a crearlo attraverso qualche brutto pipistrello. Da questo però dovremmo trarre un grande insegnamento, rispettare la natura. Ci sono tanti pescatori che non lo fanno purtroppo. Lasciano le spiagge sporche. Cosa ti costa buttare le scatole di esca in una dannato secchione? Lasciamo il mare pulito dalle nostre zozzerie. Rispettiamo le misure minime consentite. Evitiamo di fare mattanze di orate da 2 etti o mormore da 100 gr.

Prima di essere irrispettosi nei confronti del mare e della natura, ricordiamoci sempre di ciò che stiamo passando in questo momento. E se non fosse un caso? E se ci fosse un disegno ben preciso dietro questo virus? Se madre terra avesse sentito il bisogno di fermare la razza umana e far respirare la natura? Questo fermo biologico farà sicuramente bene anche ai pesci del mare, quindi quando torneremo a pescare, cerchiamo di portare rispetto per loro.