Dopo il censimento obbligatorio per i pescatori sportivi in mare, è in arrivo l’obbligatorietà della “licenza di pesca sportiva in mare” a pagamento, sia per chi pesca da terra, sia per chi pesca dalla barca. La legge in procinto di approvazione è intitolata “Interventi per il settore ittico” ed è stata studiata e concepita dall’onorevole Nicodemo Nazzareno Oliverio (PD) ed attualmente è in discussione presso la Commissione agricoltura della Camera dei Deputati. Il testo presenta ben 26 articoli di cui 24 di essi riguardano la pesca professionale e soltanto due (per fortuna) la pesca sportiva. In parole povere, la proposta di legge vuole riportare competitività e sviluppo alle imprese ittiche nazionali attraverso finanziamenti mirati, ad esempio nell’articolo 1 si parla di 10 milioni di euro per le aziende di pesca professionale, mentre nell’articolo 2 si parla di aiuti economici per gli imprenditori ittici che realizzeranno campagne informative per la tutela dei consumatori.

A questo punto sorge spontaneo chiederci: cosa c’entrano i pescatori sportivi? Questi potranno contribuire, attraverso la licenza di pesca in mare, ad aiutare economicamente i pescatori professionali. Infatti, nell’articolo 24, si prevede l’istituzione di una licenza di pesca sportiva in mare a pagamento, i cui proventi andranno nelle casse del ministero delle Politche Agricole Alimentari e Forestali. Questo fondo servirà a coprire le spese di funzionamento e i progetti delle associazioni cooperative di pesca professionale.

I costi della licenza di pesca sportiva

I costi di tale licenza di pesca sportiva ammonterebbero a 20,00 euro annui per i pescatori sportivi da terra, mentre per chi pratica questo hobby dalla barca dovrà sborsare 200,00 € (si sta vagliando l’idea di abbassare il costo a 100€). Dal censimento del 2011 è uscito un dato rilevante, ossia, circa un milione di persone praticano la pesca ricreativa in mare, se poi aggiungessimo tutti coloro che hanno omesso di fare la comunicazione, ci si rende subito conto che gli introiti saranno veramente elevati.

Cosa ne penseranno i pescatori di tutto ciò? Per chi pratica la pesca da terra 20,00€ non sono molti, ma 200,00 € per chi pesca dalla barca non sono pochi. Il pagamento di una licenza di pesca sportiva ci tutelerà da tutti i soprusi della pesca abusiva con le reti o dello strascico fatto vicino riva? I controlli aumenteranno? I dubbi sono tanti come le tasse sulle spalle degli italiani.